EBOOK “vita e lavoro nei cantieri italiani nel mondo"

PAGINA PROMOZIONALE DELL' EBOOK

(Cliccare sulla foto)

 

Commenti, apprezzamenti e condivisioni alla fine della pagina - Comentarios al final de la pagina -Comments at the end of the page

 

◄ SCARICARE GRATIS - DESCARGAR GRATIS - DOWNLOAD FRE
eBook VITA E LAVORO NEI CANTIERI ITALIANI NEL MONDO
Il presente volume gratuito è un progetto sviluppato all’interno del Gruppo Facebook “Gente dei cantieri italiani nel mondo”
https://www.facebook.com/groups/176889618357/
Ha lo scopo di raccontare le esperienze di vita e di lavoro di chi ha lavorato/vissuto o lavora/vive nei cantieri esteri delle imprese italiane di costruzione che hanno realizzato e realizzano grandi opere di risonanza e prestigio mondiale: dighe, centrali, strade, ferrovie, ponti, metro, canali, grandi edifici, etc.
E’ un libro di racconti scritti sia in italiano che in spagnolo da autori vari, ma tutti appartenenti a questo grande gruppo.
E’ un libro di “cantieristi” per i “cantieristi”, ma non solo!
eBook VITA E LAVORO NEI CANTIERI ITALIAN
Documento Adobe Acrobat 3.3 MB
Comitato di Redazione - Comité de Redacción - Editorial Committee
Comitato di Redazione - Comité de Redacción - Editorial Committee

I like-me gusta ►

Condividi–Comparte– Share ►


Commenti: 3
  • #3

    Giuliano Barbonaglia (sabato, 09 luglio 2016 17:37)

    Buogiorno Antonietta..
    Le ripeto quanto ho commentato nel messaggio dell'amico Giorgio Sirigu.
    Ringraziamo Antonietta Loi per l’apprezzamento al ns. ultimo eBook "VITA E LAVORO NEI CANTIERI ITALIANI NEL MONDO”, il 5° prodotto dal gruppo (3 in italiano e 2 in spagnolo).
    Nella fase organizzativa del secondo volume (in spagnolo) è stato deciso di abbandonare l’idea di voler realizzare un’opera di valore letterario, per dare invece voce a tutti coloro i quali avessero desiderato raccontare una vera storia personale di vita e di lavoro nei vari cantieri.
    Questa impostazione ha richiesto naturalmente la creazione di un Comitato di Redazione molto preparato e disponibile per verificare completamente i racconti presentati ed alcuni anche decisamente riscriverli. Lo scopo era ed è quello di premiare la volontà e la disponibilità (abbastanza rara) di scrivere per l’eBook. Il libro ha avuto una diffusione parecchio elevata, naturalmente in America Latina.
    Io sono totalmente d’accordo su questa linea, diciamo meno letteraria ma più alla portata dei “cantieristi” di tutti i livelli e su questa strada abbiamo proseguito e cercheremo di proseguire.
    Grazie anche a Giorgio per il suo ottimo contributo, in questo caso parecchio letterario.
    Giuliano Barbonaglia

  • #2

    Antonietta Loi (giovedì, 07 luglio 2016 20:06)

    VITA E LAVORO NEI CANTIERI ITALIANI NEL MONDO

    Un genere particolare, quello che esprime questi racconti, più vicino forse alla cronaca che non alla narrazione letteraria. E tuttavia si tratta di una raccolta di belle storie, tutte differenti e tutte in qualche modo simili, piene di fascino e di avventura.
    Sono tante voci provenienti da diversi continenti, moltissime dall'Africa, di cui si colgono colori, odori, sapori.
    I paesaggi sono molto spesso desertici, se si eccettuano i bacini dei grandi fiumi, in cui sono state realizzate importanti centrali idroelettriche. Territori ostili, popolati da serpenti e scorpioni, con un clima tropicale che mette a dura prova la invidiabile capacità di adattamento dei nostri ingegneri e tecnici, oltre che delle loro famiglie. Nonostante ciò, sulle paure prevale sempre il coraggio, nella sfida alla natura e alle sue difficoltà.
    Quasi tutti gli autori si attengono ad una estrema concretezza nella narrazione, adottando un linguaggio sobrio, poco incline alla fantasia e al sentimento; soltanto pochissime fra loro sono donne. Fortunatamente per lettori come me, non "cantieristi", il pragmatismo non concede troppo spazio al linguaggio tecnico e settoriale!
    Lo spaccato della vita di cantiere rivela l'affiatamento costruito con tutti i collaboratori, molti dei quali originari di altri paesi europei e non solo, ma emerge anche la ricerca del dialogo, non sempre facile, con gli operai locali, talvolta lavoranti a cottimo e in subappalto, espressione di comunità povere e arretrate.
    Sullo sfondo di questi moderni cantieri si intravvede un difficile passato coloniale e un presente segnato da rivolte e guerriglie, da governanti e polizie violente e da un diritto incerto, volendo usare un eufemismo.
    Sappiamo tutti che gli Italiani, anche attraverso queste grandi opere ingegneristiche, hanno portato nel mondo saperi, innovazione, tecnologia e cultura. È più che giustificato dunque l'orgoglio che ogni tanto fa capolino in questo libro. Sono però quasi tutte testimonianze datate; attendiamo con interesse il secondo volume, anche per sapere quale ruolo ha oggi il nostro paese in terre e fra popoli che cercano faticosamente di costruire il proprio riscatto.
    Antonietta Loi

  • #1

    Angelo (giovedì, 30 giugno 2016 23:47)

    Iniziativa veramente molto interessante. Complimenti